Impara una lingua con Babbel!

“Più libri più liberi”, gli appuntamenti del programma professionale

7-piu-libri-piu-liberi-credi-ti-musacchio-iannielloSi gira tra gli stand, si sfogliano libri, si seguono presentazioni e si inseguono scrittori. Una fiera come Più libri più liberi (che si terrà a Roma, al Palazzo dei Congressi dell’Eur, dal 7 all’11 dicembre 2016) è un appuntamento che i lettori appassionati non mancherebbero mai. Ma lo è anche per gli operatori professionali, per coloro che nel mondo dell’editoria ci lavorano: editori, librai, distributori, agenti, traduttori, bibliotecari, curatori, giornalisti.

E allora ogni fiera ha un suo programma per il pubblico, con i grandi nomi della letteratura, e un programma “professionale”. La vocazione di Più libri più liberi è sempre stata quella della piccola e media editoria. E le piccole e medie case editrici sono sempre state lo spazio dell’innovazione, della sperimentazione, della ricerca, del lavoro artigiano più che della produzione di massa.

Quest’anno, per la dodicesima edizione, il calendario di appuntamenti per gli operatori professionali prevede vari incontri nella Aldus Room.

Si comincia mercoledì 7, alle 14.00, con “L’andamento del mercato 2016 alla vigilia del Natale e la piccola editoria. Da un’editoria mainstream a una indistream?”. Partecipano Eugenia Dubini (NN Edizioni), Isabella Ferretti (66thand2nd), Monica Manzotti (Nielsen), Bruno Mari (Gruppo Giunti), Antonio Monaco (Aie). Modera Sabina Minardi (L’Espresso).

Dalle 16.00, sempre di mercoledì, si parla di “Fiere e Saloni del libro in Europa. Editoria con Salone”. Partecipano Holger Volland (Frankfurter Buchmesse), Antonio Monaco (Aie), Henrique Mota (Feira do Livro de Lisboa). Modera Stefano Salis (Il Sole 24 Ore).

Alle 17.oo il tema è “Il mercato degli audiolibri. Sussurri e grida: i lettori in ascolto”. Partecipano Sergio Polimene (Emons Audiolibri), Paola Ergi (Good mood), Riccardo Cavallero (Sem). Modera Cristina Mussinelli (consulente Aie).

Si riprende giovedì 8, alle 13.00, con “Come è cambiata la piccola editoria negli ultimi dieci anni. Editori allo specchio”. Partecipano Giovanni Peresson (Aie) e Chiara Valerio (scrittrice).

Alle 16.00, si parla di “Come cambia la distribuzione. Grossisti leggeri” con Marco Mattioli (Fastbook), Chiara Sandrini (Centro libri di Brescia), Marina Ricciardi (Circuito librerie Cleio). Modera Alberto Galla (Associazione librai italiani).

Venerdì 9, alle 11.00, focus su “Vendere e comprare diritti. Quando le fiere cambiano la geografia” con Ferdinando Fiore (Ice Agenzia), Giovanni Peresson (Aie), Guido Fabiani (assessore alle Attività produttive della Regione Lazio). A seguire, alle 12.00, “Ci sono 400mila euro per voi. Il nuovo bando europeo in favore delle traduzioni” con Piero Fratini (coordinatore del Programma Europa Creativa – Supporto Editoria) e Piero Attanasio (Aie).

Alle 14.00, ancora venerdì, “Il mercato del libro per ragazzi. I bambini non finiscono mai” con Francesca Archinto (Babalibri), Marta Corsi (La Nuova Frontiera), Beniamino Sidoti (autore).

Si riprende sabato 10, alle 12.00, con “Il mercato del self publishing in Italia” con Vittorio Anastasia (Ediciclo), Giovanni Peresson (Aie), Lorenzo Fabbri (ilmiolibro.it), Rita Carla Monticelli (autrice). Modera Cristina Mussinelli (Aie). Alle 14.00, si parla di “Clienti e librerie. Se ne devo aprire una, che sia innovativa” con Michela Addis (Università Roma Tre), Alessandro Alessandroni (Libreria Altroquando di Roma), Carmelo Calì (Libri & Bar Pallotta di Roma). Modera Giovanni Peresson (Aie).

Domenica 11, ultimo giorno di fiera, si comincia alle 11.00 con “Gli italiani senza biblioteche e librerie. Senza infrastrutture non si va lontano” con Antonella Agnoli (consulente bibliotecaria), Patricia Navarra (gruppo Cultura e Sviluppo di Confindustria), Giovanni Peresson (Aie), Domenico Vestito (sindaco di Marina di Gioiosa Ionica).

Ultimo appuntamento professionale, domenica alle 14.00, con “Il mercato delle riviste di cultura. Chi le sta uccidendo? Il web o la mancanza di cultura?”

Confermato, anche per questa dodicesima edizione, il Fellowship Program, progetto a favore dell’internazionalizzazione degli espositori in fiera, con la partecipazione di una delegazione di operatori stranieri provenienti da Canada, Danimarca, Emirati Arabi, Germania, Grecia, Israele, Lettonia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Stati Uniti, Turchia.

 

(le foto in questa pagina e in copertina sono di Musacchio e Ianniello)

         

Commenta via Facebook
Aggiungi ai preferiti : Permalink.
generic_it_728x90.gif