add editore, le novità di settembre

mannheimerIn libreria con due novità. E poi la partecipazione al Festivaletteratura di Mantova e a Pordenonelegge. Per i torinesi di add editore, settembre è il mese di Max Mannheimer e Susanna Tartaro.

Il primo è uno degli ultimi sopravvissuti all’orrore dell’Olocausto e il suo “Una speranza ostinata – Terezin, Auschwitz, Varsavia, Dachau” è un’autobiografia che racconta l’ascesa del nazismo, un padre ballerino e una madre colta, lo spirito dei vent’anni e l’amore che rendono fiduciosi anche davanti alle deportazioni, alla crudeltà della vita del campo. L’umanità si corrompe, ma non viene meno, tenuta in vita dalla coscienza di essere uomini. Il libro di Mannheimer ha una prefazione di Paolo Rumiz ed è tradotto da Claudio Cumani.

tartaroNella collana “incendi”, invece, esce il libro di Susanna Tartaro (che lavora a RadioRai3 e da anni cura la trasmissione Fahrenheit) dedicato alla sua passione per gli haiku: “Haiku e sakè – In viaggio con Santōka”. L’autrice accompagna il lettore in un viaggio, in dodici tappe, nel mondo degli haiku e dei suoi girovaghi autori: Santōka su tutti, ma anche Bashō e Issa, letti oggi con gli occhi di chi abita una città con tutte le sue piccole e continue trappole alla nostra felicità. L’haiku è una forma d’arte che ha origini lontane e Susanna Tartaro ne ripercorre la strada, restituendo questi piccoli e perfetti poemi alla nostra contemporaneità.

La casa editrice torinese sarà al Festivaletteratura di Mantova (sabato 10 settembre, alle 17.15) con la scrittrice francese Évelyne Bloch-Dano, autrice di “Giardini di carta – Da Rousseau a Modiano”.

Mercoledì 14 settembre, a Pordenonelegge, Shady Hamadi incontra gli studenti e presenta “Esilio dalla Siria”. Domenica 18, nell’ambito della stessa manifestazione, Susanna Tartaro presenta il suo “Haiku e Sakè”.

Venerdì 19 settembre, alle ore 19, Carlo Pestelli presenta “Bella ciao! La canzone della libertà” insieme a Giuseppe Cacciatore, Rino Mele e Franco Di Geronimo al Salone dei Marmi della Provincia di Salerno.

         

Commenta via Facebook
Aggiungi ai preferiti : Permalink.